Energia

Parole di Greta: “Sono trent’anni che sentiamo bla bla, e dove siamo? Le nostre speranze e i nostri sogni annegano tutti in queste vuote parole”.
Cosa intende dire? Che i fautori della lotta contro il cambiamento climatico non sono stati ascoltati? Invece il problema è che hanno sempre ottenuto tutto quello che volevano, per folle e assurdo che potesse essere.
In Italia sono riusciti a bloccare per anni l’estrazione del gas naturale, rendendo drammatica la nostra dipendenza dalle importazioni. Poi hanno impedito la costruzione di molte centrali a turbogas, che sono molto più efficienti e usano un combustibile abbondante, pulito e a bassa emissione di CO2. Come se non bastasse in altri paesi sono riusciti a far chiudere molte centrali nucleari, nonostante che siano sicurissime e non producano nemmeno un grammo di anidride carbonica (vedi l’articolo: ENERGIA NUCLEARE PULITA E SICURA). Infine hanno preteso di sostituire queste fonti di energia sicure e affidabili con le energie “alternative”, e anche qui sono stati accontentati. Fino al punto che questa è diventata la politica energetica dell’Europa, dell’America, del G20 e dell’ONU. In Italia la conseguenza è stata una devastante crisi economica che ha raddoppiato la disoccupazione e aggravato il debito pubblico e le tasse. Senza modificare le emissioni di CO2.
E per quanto riguarda i paesi poveri, hanno impedito la costruzione delle dighe sugli affluenti del fiume Congo, che potrebbero produrre tutta l’energia di cui l’Africa ha un disperato bisogno per sconfiggere la povertà, e in una forma pulita e senza emissioni di gas serra. La povertà può essere vinta solo con la crescita, e l’energia è indispensabile per la crescita. Nessun paese al mondo è mai uscito dalla povertà con la redistribuzione. Questo è solo un altro modo, come la “lotta contro il cambiamento climatico” per punire i paesi che la povertà l’hanno già sconfitta!
Adesso questa fallimentare politica energetica, con l’aggiunta della de carbonizzazione, viene sostenuta dalle multinazionali dell’energia allo scopo di mantenere alti i costi e continuare a guadagnare. Per questo stanno anche finanziando l’operazione mediatica sul riscaldamento globale (e sarebbe interessante sapere a chi vanno i loro soldi). Una politica energetica che continuerà a danneggiare solo le economie occidentali, perché i paesi emergenti, come per il passato, si guarderanno bene dal buttare soldi per queste assurdità. Se non altro perché hanno delle alternative migliori (vedi l’articolo: LE PALE EOLICHE SONO NATURALI?).
Quindi il problema non è che i fautori della lotta contro il cambiamento climatico non vengono ascoltati, ma che hanno sempre ottenuto tutto quello che chiedevano, con la conseguenza di danni incalcolabili, in cambio di nulla. Un grande successo per chi è convinto che la società moderna, capitalista, sia la causa di ogni male. Invece sbagliano, perché la società in cui viviamo è l’unica sostenibile sia sul piano sociale che ambientale (vedi l’articolo: POLITICA E AMBIENTE).


Riguardo all’importanza di rendere l’economia più prospera vedi l’articolo: BREVE STORIA DELLA DEMOCRAZIA.